Save the date! Milano, 2 ottobre

Quanto costa la non formazione?

Fonditalia presenta i dati inediti della ricerca.

Expotraining è la Fiera nazionale della formazione, che si terrà a Milano i prossimi 1, 2, 3 ottobre presso Fiera MilanoCity (sala Amber 01). Qui verranno presentati i dati del sondaggio «I costi della non formazione nelle imprese» realizzato da Fonditalia Fondo Paritetico per la Formazione Continua, in collaborazione con Expotraining ed ExpoLavoro & Sicurezza.

Sono previsti gli interventi di: Roberto Nardella, presidente CFC – Confederazione di associazione di imprese; Rocco Maurelli, presidente FormaSicuro; Luigi Recupero, segretario regionale Ugl Lombardia; Carlo Barberis, patron di ExpoTraining ed ExpoLavoro & Sicurezza; Rocco L. Sassone, Docente di Gestione Integrata Ambiente e Sicurezza Aziendale e Coordinatore Area Ordini e Professioni School of Management Università LUM di Bari; Paolo Moretti, segretario di OIC – Osservatorio Imprese e Consumatori; Francesco Franco, presidente FondItalia; Egidio Sangue, vice presidente FondItalia e di un rappresentante istituzionale della regione Lombardia.

Conclude: Geremia Mancini, segretario generale dalla Ugl.

Modera: Luigi Monfredi, giornalista TG1 Economia.

Il sondaggio è stato rivolto prevalentemente a imprenditori e ha avuto come obiettivo quello di contribuire a comprendere meglio l’atteggiamento delle PMI italiane sulla formazione continua e la percezione che si essa hanno gli imprenditori. Ma anche di sensibilizzare, media, opinione pubblica, imprenditori sull’importanza della formazione continua come fattore di sviluppo delle imprese italiane, rilevando la potenziale ricaduta negativa per le imprese, a partire dai costi, di una non adeguata formazione o addirittura di una «non formazione.

«FondItalia non è nuovo all’utilizzo di sondaggi rivolti alle imprese e a chi vi collabora. A volte porre le giuste domande stimola delle riflessioni in grado di animare la domanda su aspetti differenti della formazione, a partire dal possibile impatto sulla propria organizzazione e sul lavoratore e soprattutto sulla sua eventuale possibilità di ricollocamento» ha dichiarato Egidio Sangue, Vice Presidente del Fondo.

«Nonostante la riconosciuta importanza della formazione e l’affermarsi di una crescente consapevolezza della sua rilevanza, sono molte le imprese che continuano a mostrare un atteggiamento passivo rispetto all’attivarsi della formazione» ha dichiarato Francesco Franco, Presidente di FondItalia. «Anche l’adesione a un Fondo e un più facile accesso ai finanziamenti per la sua realizzazione non comporta sempre l’auspicabile variazione di atteggiamento da parte dei datori di lavoro. Eppure – continua il Presidente Franco – il XIV Rapporto sulla Formazione Continua a cura di Isfol ne sottolinea il potere: le imprese che hanno meglio reagito alla crisi sono state quelle che hanno mostrato capacità di innovare e al tempo stesso di investire in formazione, specialmente quella in grado di rappresentare un supporto ai processi di innovazione e di internazionalizzazione dei mercati».

«Dobbiamo porre l’attenzione anche sul mancato aumento del livello di competenze che il lavoratore subisce dalla non formazione» ha dichiarato al riguardo Carlo Barberis, patron di ExpoTraining e ExpoLavoro&Sicurezza. «Mancato aumento del livello di competenze che si riverbera negativamente nell’aumento degli stanziamenti economici delle politiche passive del lavoro. Lo sviluppo delle competenze della forza lavoro è direttamente proporzionale all’aumento della competitività dell’azienda e di riflesso del Sistema Paese. Il costo dell’ignoranza non è più accettabile né dai lavoratori né dalle imprese».

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here