Foreste

La nuova strategia forestale europea

La nuova strategia forestale è una parte importante delle strategie della Commissione europea per realizzare il Green Deal europeo.

C’è consenso sulla necessità che la nuova strategia forestale promuova una bioeconomia circolare europea e la sostenibilità delle foreste europee per raggiungere l’obiettivo di neutralità climatica del 2050.

Tuttavia, il Cepi non vede la coerenza tra le diverse politiche sulle foreste.

“Manca il contributo generale che i prodotti a base di legno possono portare a un’economia più verde e circolare: mantenere i fossili nel terreno! Le foreste europee e il settore forestale forniscono soluzioni integrate alla sfida globale del clima su una scala molto ampia. Insieme all’effetto di sostituzione dei prodotti, l’effetto climatico positivo complessivo è stimato al 20% di tutte le emissioni fossili nell’Unione europea”, ha commentato Jori Ringman, direttore generale del Cepi. “E c’è molto potenziale che rimane non sfruttato con la strategia forestale proposta”.

Inoltre, alcuni settori che dipendono dai fossili avranno ora un’assegnazione gratuita. “La bioeconomia non avrà condizioni di parità nel competere con questi settori”, conclude Ringman.

L’industria cartaria europea è pronta a contribuire al successo dell’iniziativa dei tre miliardi di alberi per una crescita sostenibile a lungo termine delle foreste. Crediamo che questa sia la politica giusta, le foreste devono essere coltivate di più.

Invece, la strategia proposta pone l’attenzione su sviluppi causati da fattori esterni e rischia di minare il contributo delle foreste e del settore forestale nel suo complesso.

Gli Stati membri hanno già segnalato l’importanza di rispettare la diversità delle pratiche di gestione forestale sostenibile. Un approccio rigido della gestione forestale rischia di aumentare le calamità forestali e di perdere la possibilità di adattare le nostre foreste al cambiamento climatico nel modo richiesto dalle diverse circostanze locali. “Il cambiamento climatico e la biodiversità ci impongono di gestire di più e meglio, non di meno”, dice Ringman.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here